Temperatura forno a gas per torte

1
7691
Risposta breve

La temperatura a cui impostare il forno a gas per cuocere le torte è variabile a seconda del tipo di dolce. L’importante è prestare attenzione alla temperatura, abbassando leggermente la manopola ogni volta che si raggiunge la massima potenza per evitare che alcune parti del dolce si brucino. Il forno a gas non sarebbe, infatti, l’ideale per torte e dolci in genere, per i quali è più indicato il forno elettrico, statico o ventilato.

- Pubblicità -

Il forno a gas per le torte

Sebbene in generale le torte e tutti i dolci contenenti lievito vadano cotti in un forno elettrico in modalità statica perché possano essere soffici e alti, cuocerli col forno a gas è comunque possibile. A patto che si regoli opportunamente la temperatura.
Il meccanismo di funzionamento del forno a gas, infatti, consiste in un bruciatore posizionato in basso che trasmette calore a tutto il forno. Dopo aver raggiunto la temperatura selezionata, il bruciatore comincia a produrre solo calore di mantenimento, funzionando al minimo per mantenere la temperatura costante.

Il forno a gas è sicuramente più economico di un forno elettrico in termini di consumi, ma ha la grossa pecca di non gestire al meglio la cottura, poiché tende a cuocere o seccare troppo in alcuni punti. Non è, quindi, l’ideale per torte e dolci in genere, per i quali è più indicato il forno elettrico, statico o ventilato che sia.

Ma ovviare a questo limite è possibile: basta accendere il forno e aspettare che raggiunga la temperatura impostata. A questo punto si può infornare la torta posizionandola sul ripiano centrale, avendo cura di abbassare appena la temperatura per evitare che il bruciatore riparta alla massima potenza. Ogni volta che riparte al massimo, abbassare nuovamente la temperatura.

Temperatura forno a gas per torte

Vediamo a che temperature cuocere le torte e i dolci col forno a gas:

  • fra 70°C e 110°C: è la temperatura adatta per le meringhe. Devono asciugarsi senza che si scuriscano.
  • Fra 120°C e 160°C: per torte che non devono lievitare o caratterizzate da un impasto corposo. Ma anche impasti che contengono molti albumi montati a neve, che non devono gonfiarsi troppo rapidamente.
  • Fra 170°C e 190°C: per impasti umidi che contengono molto latte. A 170°C l’interno cuoce senza che la superficie si asciughi troppo.
  • Fra 200°C e 220°C: per pasta sfoglia e brioches.
  • Oltre 220°C: per rendere dorata la superficie di dolci ricoperti da albumi montati a neve.

 

Sono Ottavia Bellia, fondatrice di questo blog e appassionata di cucina. Sono qui per condividere la mia esperienza nelle tecniche di conservazione degli alimenti e i miei consigli per una perfetta riuscita dei vostri piatti.
4 1 vota
Punteggio articolo
Iscriviti
Notificami
guest
1 Commento
Meno recenti
Più recenti I più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Alfredo Canziani
Alfredo Canziani
Marzo 14, 2022 6:22 pm

Il bruciatore non è analogico. O è acceso o è spento. La temperatura, almeno nel mio, varia di 40°C. Se imposto 180°C il bruciatore si accende a 160°C e si spegne a 200°C.