Cos’è la stevia: benefici, proprietà e controindicazioni

0
1282
Risposta breve

La stevia è un dolcificante naturale, il cui sapore ricorda quello della liquirizia, con un contenuto calorico pari a zero. Il suo potere dolcificante è da 150 a 250 volte quello del comune zucchero e ha proprietà antiossidanti, antibatteriche, antifungine, immunomodulanti, antitumorali. Inoltre, riduce l’acidità di stomaco, evita l’innalzamento della pressione sanguigna e tiene sotto controllo il livello del colesterolo LDL nel sangue.

- Pubblicità -

Cos’è la stevia

La stevia è un dolcificante naturale che in commercio si trova in polvere, in compresse o liquido, il cui sapore ricorda quello della liquirizia.
Si estrae dalla pianta Stevia rebaudiana, originaria del Paraguay e del Brasile: dalle foglie della pianta vengono estratti i glicosidi steviolici, le sostanze dolcificanti.
Negli ultimi anni è diventata sempre più spesso un sostituto dello zucchero per dolcificare dolci, frullati, ma anche per preparare crostate e biscotti, visto che resiste alle alte temperature (fino a 200°C). Si utilizza nell’industria dolciaria per dolcificare marmellate, gomme da masticare, bevande e yogurt.

Benefici e proprietà della stevia

La stevia è un dolcificante naturale ricco di benefici e proprietà:

  • il potere dolcificante della stevia è da 150 a 250 volte quello dello zucchero, e ne serve quindi molta meno: 40 grammi di stevia hanno lo stesso potere dolcificante di 100 grammi di zucchero;
  • non contenendo saccarosio, non è causa di carie dentarie ma, anzi, protegge i denti;
  • come spiega la D.ssa Manuela Pastore, dietista, le sostanze dolci della stevia, i glicosidi steviolici, non influiscono sul livello glicemico: può quindi essere consumata anche da chi soffre di diabete o deve tenere sotto controllo la glicemia;
  • ha proprietà antiossidanti (grazie ai flavonoidi), antibatteriche, antinfiammatorie, antifungine e protettive del pancreas;
  • uno studio ne ha dimostrato le proprietà immunomodulanti e antitumorali;
  • riduce l’acidità di stomaco;
  • uno studio ha dimostrato che evita l’innalzamento della pressione sanguigna;
  • contiene sali minerali (soprattutto ferro, potassio, manganese e zinco) e vitamine (soprattutto A e C);
  • aiuta a tenere sotto controllo il livello di colesterolo cattivo nel sangue (colesterolo LDL), ed è quindi adatta ai regimi dietetici di chi soffre di ipercolesterolemia e problemi cardiovascolari;
  • è, inoltre, molto più adatta dello zucchero a chi deve seguire un regime dietetico ipocalorico: il Food Data Central ha infatti stabilito che contiene 0 calorie per 100 grammi, contro le 392 kcal per 100 grammi del saccarosio.

Controindicazioni della stevia

Dopo una fase iniziale in cui questo dolcificante è stato criticato e addirittura sospettato di essere cancerogeno, è stato finalmente confermato che non sia nocivo per la salute. E’ bene, però, non superare la quantità di 4 mg per chilo corporeo al giorno, per evitare effetti lassativi.
Di certo, benché la stevia sia un dolcificante naturale, la sua lavorazione è industriale. I glicosidi steviolici si estraggono mediante solventi e nel processo di lavorazione alcune importanti componenti potrebbero andare perdute.
Inoltre, nonostante la stevia contenga 0 calorie per 100 grammi, molti marchi venduti al supermercato vengono addizionati con altri dolcificanti. L’apporto finale calorico potrebbe quindi variare da marca a marca.

Sono Ottavia Bellia, fondatrice di questo blog e appassionata di cucina. Sono qui per condividere la mia esperienza nelle tecniche di conservazione degli alimenti e i miei consigli per una perfetta riuscita dei vostri piatti.
0 0 voti
Punteggio articolo
Iscriviti
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti