Vaniglia e vanillina: cosa sono, differenze e come usarle

0
230
Risposta breve

La vaniglia si ottiene dal frutto di un’orchidea del genere Vanilla, mentre la vanillina sintetica si ottiene chimicamente e viene comunemente usata al posto della vaniglia. Per utilizzare la vaniglia, bisogna incidere per lungo il baccello in modo da raschiare i piccoli semi al suo interno, che potranno essere usati per aromatizzare creme e impasti in fase di preparazione. La vanillina sintetica, invece, si trova in commercio sotto forma di polvere bianca o liquida in fiale. Ne basta poca, da aggiungere durante la preparazione di impasti dolci e creme.

- Pubblicità -

Vaniglia e vanillina sono la stessa cosa?

Uno dei dubbi che possono sorgere quando su una ricetta troviamo la vanillina è se vaniglia e vanillina siano la stessa cosa. Vaniglia e vanillina non sono la stessa cosa.
La vaniglia si ottiene dai semi del baccello di un’orchidea rampicante originaria del Messico, la Vanilla planifolia. Il suo costo elevato si deve all’impollinazione, che viene effettuata manualmente, di fiore in fiore.
Il genere Vanilla conta più di 100 specie di orchidee, ma solo alcune sono utilizzate in cucina. La più conosciuta e profumata è la vaniglia Bourbon del Madagascar, dall’aroma intenso con note di cacao dovuto alla maggiore presenza di vanillina naturale.
La vaniglia ha proprietà antiossidanti, antisettiche e antinfiammatorie, e il suo profumo stimola il rilascio di endorfine, inducendo una sensazione di relax e benessere.

La vanillina sintetica, invece, si trova in commercio sotto forma di polvere bianca o liquida in fiale. Ne basta poca, da aggiungere durante la preparazione di impasti dolci e creme, per ottenere un profumo intenso. La sua praticità di utilizzo, oltre al costo contenuto, la rendono un ottimo sostituto del classico baccello di vaniglia.

Quale differenza c’è fra vaniglia e vanillina

Qual è la differenza fra vaniglia e vanillina?
Mentre la vaniglia è una spezia, ovvero il frutto di un’orchidea del genere Vanilla (la vanillina è la molecola che conferisce alla vaniglia il suo tipico aroma), la vanillina sintetica si ottiene chimicamente.
La vanillina sintetica viene comunemente usata al posto della vaniglia per il suo costo molto più contenuto e la sua semplice reperibilità.

Come sostituire la bacca di vaniglia con la vanillina

Per utilizzare la vaniglia, bisogna incidere per lungo il baccello in modo da raschiare i piccoli semi al suo interno, che potranno essere usati per aromatizzare creme e impasti in fase di preparazione. In mancanza di una bacca di vaniglia, però, possiamo sostituirla con la vanillina.
Una bacca di vaniglia si sostituisce con un cucchiaino di vanillina in polvere per la preparazione di dolci da forno, o con 2 cucchiaini di estratto liquido per la preparazione di creme, salse e liquori.

Quando si mette la vanillina

La vanillina in polvere o l’estratto si aggiungono durante le preparazioni per aromatizzare, quando è previsto un baccello di vaniglia ed in mancanza di esso. Non è necessaria alcuna variazione alla ricetta: i nostri dolci possono essere infornati e le nostre creme cotte come di consueto.

Sono Ottavia Bellia, fondatrice di questo blog e appassionata di cucina. Sono qui per condividere la mia esperienza nelle tecniche di conservazione degli alimenti e i miei consigli per una perfetta riuscita dei vostri piatti.
0 0 voti
Punteggio articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti