Come conservare i salumi sottovuoto

0
5611
Risposta breve

Tutti i salumi possono essere conservati sottovuoto. I salumi in tranci sottovuoto, non perdendo umidità, possono essere conservati in frigo anche per 2 mesi.
I salumi affettati sottovuoto possono essere conservati entro la data impressa sulla confezione, se integra; una volta aperta, vanno consumati entro 3-5 giorni.

- Pubblicità -

Come conservare i salumi sottovuoto

I salumi sono una soluzione facile e veloce per quando non si ha voglia o tempo di stare troppo ai fornelli. I salumi non si conservano però tutti allo stesso modo. In generale, si mantengono meglio i salumi più stagionati rispetto a quelli più freschi.
Il sottovuoto, grazie alla privazione di aria e ossigeno, aiuta a prevenire il deperimento degli alimenti, l’ossidazione e la proliferazione di batteri. Riposti sottovuoto, gli alimenti si conservano fino a cinque volte più a lungo, e gusto e qualità rimangono inalterati.

Tutti i salumi possono essere conservati sottovuoto; ma solo i salumi sottovuoto possono essere congelati.
I salumi in tranci (prosciutti, salami) sottovuoto, non perdendo umidità, possono essere conservati in frigo anche per 2 mesi. I salumi affettati sottovuoto, invece, possono essere conservati entro la data impressa sulla confezione, se integra; una volta aperta la confezione, vanno consumati entro 3-5 giorni.

Conservare i salumi

Salami, mortadella, speck e prosciutti, come fare quindi per conservarli quando avanzano?
Ecco i suggerimenti per poterli conservare e gustare al meglio dopo averli acquistati, in base alla tipologia di salume.

  • INTERI: si conservano appesi in una cantina o in una parte fresca della casa, lasciando la parte finale tagliata avvolta in una garza o un fazzoletto di cotone: in questo modo si evita il formarsi di muffe. In ogni caso per la conservazione dei salumi interi la temperatura consigliata è fra i 15° e i 20°C.
    Ogni volta che vengono consumati, bisogna aver cura di eliminare la prima fetta, facilmente ossidata, e poi ricoprire la superficie con una nuova garza.
  • AFFETTATI: se affettati freschi, vanno consumati entro 3-5 giorni, poiché il processo di ossidazione inizia da subito. Gli affettati devono rimanere nella loro confezione, sigillata con le mani perché la stagnola aderisca bene e l’aria non penetri, ossidandoli. Oppure possono essere riposti in un contenitore a chiusura ermetica, da posizionare nella parte più alta del frigorifero, quella più fresca. Un cambiamento di colore è il segno più evidente della perdita di freschezza del salume.
  • STAGIONATI: i salumi stagionati non ancora aperti (come salame, pancetta, coppa, prosciutto) devono essere conservati in luogo fresco ed asciutto, magari in cantina o nella parte più bassa del frigorifero.
  • COTTI (come porchetta o salsicce): si conservano in frigorifero, a una temperatura media compresa tra i 2° e i 4°C.
  • SOTTOVUOTO IN TRANCI: si conservano a una temperatura inferiore ai 10°C, dunque in frigorifero.

 

Sono Ottavia Bellia, fondatrice di questo blog e appassionata di cucina. Sono qui per condividere la mia esperienza nelle tecniche di conservazione degli alimenti e i miei consigli per una perfetta riuscita dei vostri piatti.
0 0 voti
Punteggio articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti