Si può mangiare la buccia del limone?

0
930
Risposta breve

La buccia del limone si può mangiare e si utilizza all’interno di moltissime ricette. Non solo grattugiata negli impasti di torte e pasticcini o all’interno di creme per farcire, ma anche per aromatizzare liquori, infusi digestivi o cocktail, o per dare profumo a salse, primi piatti, zuppe e insalate.

- Pubblicità -

Proprietà del limone

Il limone è l’agrume più utilizzato non solo in cucina, nella preparazione di dolci, piatti salati e bevande, ma anche in erboristeria per le sue proprietà. Vediamo quali sono:

  • è ricco di vitamina C, che rinforza il sistema immunitario proteggendo da raffreddori e influenze stagionali;
  • contiene molta vitamina B, benefica per la salute e la bellezza della pelle;
  • è ricco di ferro e calcio, che rinforza le ossa;
  • l’acido citrico tiene sotto controllo l’acidità di stomaco;
  • ha proprietà antibatteriche, antisettiche, antinfiammatorie e antiossidanti;
  • il limonene aiuta a depurare il fegato e favorisce l’eliminazione delle tossine;
  • agevola la digestione e combatte il gonfiore addominale;
  • favorendo la diuresi, contrasta la ritenzione idrica;
  • riduce i livelli di glucosio e colesterolo nel sangue;
  • accelera il metabolismo.

Si può mangiare la buccia del limone?

Del limone si utilizzano solitamente polpa e succo, ma la buccia è la parte più ricca di vitamine, fibre e limonene (che conferisce il profumo intenso), una sostanza antiossidante utile non solo a depurare l’organismo ma anche a ridurre le infiammazioni e prevenire la comparsa e la crescita di cellule tumorali.
Scartare la buccia del limone è quindi un peccato, anche perché è perfettamente commestibile e utilizzabile all’interno di moltissime ricette.

La buccia del limone si può mangiare, ma è fondamentale che i limoni provengano da agricoltura biologica e la buccia non sia stata trattata con pesticidi chimici. Anche nel caso in cui si scelgano limoni non trattati, è bene comunque lavarli con detergenti disinfettanti (va benissimo anche il bicarbonato) soprattutto se l’intenzione è quella di consumarne anche la buccia.

La scorza del limone si utilizza prevalentemente per la preparazione di dolci per conferire profumo: grattugiata all’interno di impasti di torte e pasticcini, oppure nella preparazione di creme per farcire (come la crema pasticcera), per confezionare gelati e aromatizzare liquori (come il limoncello).
Si può utilizzare anche all’interno di infusi digestivi o per decorare cocktail.
Per beneficiare al massimo delle proprietà contenute nella buccia del limone, è meglio, però, non farla cuocere a lungo ma aggiungerla a fine cottura, grattugiata anche su piatti salati come salse, insalate, primi piatti di pesce, zuppe di cereali e legumi.

Sono Ottavia Bellia, fondatrice di questo blog e appassionata di cucina. Sono qui per condividere la mia esperienza nelle tecniche di conservazione degli alimenti e i miei consigli per una perfetta riuscita dei vostri piatti.
0 0 voti
Punteggio articolo
Iscriviti
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti