Cibi che fanno ingrassare

0
471
Risposta breve

Nessun alimento possiede la caratteristica di far ingrassare o dimagrire: fanno la differenza le quantità e la frequenza con cui vengono consumati, il metodo di cottura, i condimenti utilizzati e lo stile di vita condotto. Sicuramente vanno in contrasto con l’obiettivo di perdere peso, facendo quindi ingrassare, i condimenti come burro, margarina e strutto, salse grasse, salumi e insaccati, formaggi stagionati, snack e succhi di frutta industriali, bevande gassate e fritture.

- Pubblicità -

Cibi che fanno ingrassare

Nessun cibo ha, in realtà, la proprietà di far ingrassare; questo effetto è, semmai, la conseguenza di eccessive quantità, metodi di cottura, condimenti grassi, abbinamenti con altri alimenti e abitudini più o meno sedentarie. Esistono, difatti, cibi sani che consumati in smodate quantità possono far ingrassare, ad esempio l’avocado, la frutta secca o il salmone.

Ci sono indubbiamente cibi che contrastano il nostro proposito di perdere peso e che, quindi, in un certo modo fanno ingrassare:

  • Cibi con scarso potere saziante, che quindi spingono a mangiare di più;
  • Ad alta densità energetica, quindi calorica;
  • Alta palatabilità, che spinge a consumarne in grande quantità grazie al loro sapore gradevole, dato dal contenuto di grassi, sale o zuccheri.

Alimenti con alto contenuto di proteine e fibre sono alimenti con alto potere saziante; i carboidrati vengono immediatamente dopo, con un discreto potere saziante. Non fanno ingrassare, quindi, carni magre, pesce, uova, legumi, cereali integrali, quasi tutti i tipi di verdura e frutta, i formaggi magri.
I cibi molto grassi, invece, non hanno un buon potere saziante quindi, oltre a fornire molte calorie, spingono a consumarne in quantità.
Vediamo quali sono.

Alcuni cibi che fanno ingrassare

  • Salumi e insaccati: contenendo grandi quantità di sale, sono fra i principali responsabili della ritenzione idrica, e quindi della cellulite. Meglio evitarli nei regimi dietetici oppure preferire affettati di tacchino o pollo a salami e mortadella.
  • Formaggi: soprattutto quelli più stagionati sono ricchi di grassi e sale, quindi molto calorici; invece di consumarli come snack o come antipasto, è bene considerarli una vera e propria portata.
  • Snack industriali, patatine e merendine: contengono moltissimi zuccheri e grassi; è preferibile indubbiamente una fetta di torta fatta in casa, o un quadratino di cioccolato fondente.
  • Burro e margarina: come tutti i condimenti ricchi di grassi saturi, è il loro abuso a rendere calorico un piatto. E’ preferibile usare l’olio extravergine d’oliva per condire, che è ricco di grassi “buoni”.
  • Succhi di frutta industriali: contengono molti zuccheri e sono una fonte di “calorie vuote”. Molto meglio optare per centrifugati e spremute fatte in casa.
  • Bevande gassate: oltre a contenere molti zuccheri e “calorie vuote”, l’anidride carbonica nello stomaco fa sì che venga rilasciata la grelina, un ormone che stimola l’appetito, portando a mangiare di più.
  • Fritture: da sempre demonizzate, fanno ingrassare solo se consumate troppo spesso e non seguendo i giusti accorgimenti; per una buona frittura si dovrebbe utilizzare olio d’oliva, mettere i cibi in padella solo quando l’olio è ben bollente perché non ne assorbano troppo, e tamponarli con carta assorbente per rimuovere l’unto in eccesso.
Sono Ottavia Bellia, fondatrice di questo blog e appassionata di cucina. Sono qui per condividere la mia esperienza nelle tecniche di conservazione degli alimenti e i miei consigli per una perfetta riuscita dei vostri piatti.
0 0 voti
Punteggio articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti